Compiacenza-Come evitare il killer silenzioso

Saliamo dalle trincee per raggiungere la cima, e una volta arrivati, ci accontentiamo dei nostri risultati-ma attenzione! La compiacenza porterà all’estinzione.

Il successo è una montagna russa selvaggia e folle, piena di alti, bassi e svolte inaspettate. Mentre un giro sulle montagne russe può essere molto divertente a Disneyland, non è un modo divertente per vivere la tua vita.

Gli esseri umani sono creature abitudinarie, e uno sguardo indietro attraverso la storia ci ricorda che, sebbene la civiltà sia progredita nel corso dei secoli, ci sono alcuni tratti che persistono nella nostra psiche collettiva. Alcune delle storie più vivide su come le persone vengono coinvolte nel circolo vizioso della vita— il successo, seguito dalla compiacenza e termina con l’apatia—si possono trovare in un libro della Bibbia chiamato Giudici.

Secondo la storia, la nazione di Israele ha sperimentato alti estremi e bassi gravi per circa 300 cento anni. In uno dei loro periodi più bassi, furono governati da Sisero, un comandante dell’esercito cananeo. Per vent’anni, le donne di Israele sono state violentate e brutalizzate da Sisero e dai suoi uomini—la madre di Sisero ha commentato che non era insolito che suo figlio e i suoi compagni violentassero due donne a notte.

In un momento di coraggio, una donna di nome Deborah guidò la nazione di Israele in battaglia. Sollevò un esercito di diecimila soldati e sconfissero Sisero, che fu costretto a nascondersi nella casa di una donna di nome Iael.

Anche la mente forte di Iael si fece coraggio e, mentre Sisero stava riposando, martellò con un martello un piolo della tenda attraverso il suo tempio. Il colpo fu così forte che il piolo appuntò la testa a terra.

Il contrattacco ebbe successo e i Cananei furono sottomessi, almeno per i successivi quarant’anni. E questo è il problema con il successo—troppo spesso è seguito da compiacimento. Compiacimento viene quasi sempre da un senso di vittoria molto tempo dopo il successo che ha creato è andato. La compiacenza diventa l’assassino silenzioso quando scivola verso il decadimento e la rovina.

La compiacenza è altamente distruttiva perché è immune all’innovazione e non riconosce né nuove opportunità né potenziali pericoli. In ambienti in rapido movimento di rischio, incertezza, e l’ignoto, libri di storia ci mostrano che questo atteggiamento è la ricetta perfetta per il disastro.

La compiacenza è simile a qualcosa chiamato rustout. Rustout è più comune in America che in altri paesi sviluppati ed è in realtà ancora più spaventoso di “burnout” perché, mentre il burnout può logorare il tuo corpo, rustout può spazzare via la tua anima e lo spirito.

“Rustout è la morte lenta che segue quando smettiamo di fare le scelte che mantengono viva la vita. È la sensazione di intorpidimento che deriva dal prendere la via sicura, non accettare mai nuove sfide, arrendersi continuamente alla routine quotidiana. Rustout significa che non stiamo più crescendo, ma nella migliore delle ipotesi, stiamo semplicemente mantenendo. Implica che abbiamo scambiato la sensazione della vita per la sicurezza di uno stipendio Rust Rustout è l’opposto del burnout. Burnout sta esagerando rust rustout è underbeing.”

—RICHARD LEIDER e STEVE BUCHHOLTZ, La sindrome di Rustout

Ci sono molte somiglianze tra compiacenza e rustout. Entrambi portano a underperformance, apatia e infelicità:

Ecco alcuni modi per evitare il compiacimento:

1. Riconosci i tuoi punti ciechi-Uno dei più grandi pericoli di compiacimento è che crea punti ciechi nelle persone verso le aree della loro vita che hanno bisogno di crescita e cambiamento. I punti ciechi sono quelle aree critiche che devono essere affrontate ma non sono visibili alle persone che si rifiutano di conoscerle.

2. Cerca le vulnerabilità – Quando siamo compiacenti, non pensiamo più strategicamente al futuro. Diventiamo troppo a nostro agio con i nostri successi passati e attuali. Il nostro pensiero diventa a breve termine, verso l’interno, e stretto a fuoco. Diventiamo così innamorati delle nostre prestazioni passate che non riusciamo a vedere nuove minacce venire dalla nostra parte.

3. Prendere rischi-Il successo è di solito raggiunto come il risultato di prendere rischi. Le persone che sono compiacenti non cercano nuove opportunità. Fanno quello che ha funzionato per loro in passato. Che vergogna sarebbe per te invecchiare senza vedere la bellezza e la forza del tuo pieno potenziale. Come ha detto Anais Nin, ” Verrà il giorno in cui è più doloroso rimanere stretti in un bocciolo che correre il rischio di fiorire.”

4. Calci la pigrizia nel culo-Le persone che sono compiacenti sono concentrate internamente su se stesse invece che esternamente focalizzate sugli altri o sulla situazione che li circonda. Lavorano a una velocità costante, anche quando le circostanze richiedono un’azione rapida.

5. Apprezzo la tua vita-Il modo migliore per tirarti fuori dal solco di compiacimento è ammettere che la tua vita migliore inizia proprio ora, non lungo la strada da qualche parte. Non aspettare fino a quando la tua vita è quasi finita per rendersi conto di quanto grande è stato. Smetti di volerne uno migliore-finirai per dare anche questo per scontato.

Il fatto è questo: la compiacenza è mancanza di fiducia e coraggio per apportare cambiamenti nelle nostre vite. Come disse una volta Kurt Vonnegut, ” Di tutte le parole di topi e uomini, le più tristi sono: ‘Potrebbe essere stato.'”

In che modo un atteggiamento compiacente ti ha impedito di andare avanti nella vita? Come si fa a scuotere se stessi senza compiacimento? Perché uscire da un atteggiamento compiacente è difficile per te?

—-

LaRae Quy è stato un agente dell’FBI sotto copertura e del controspionaggio per 25 anni. Ha smascherato spie straniere e le ha reclutate per lavorare per il governo degli Stati Uniti. Come agente dell’FBI, credeva che la maggior parte delle barriere al successo fossero interne. Scrive e parla di sopravvivere in un ambiente di rischio, incertezza e inganno. LaRae è l’autore di “Segreti di una mente forte” disponibile su Kindle ora e in brossura nel mese di dicembre. Puoi seguirla su Twitter all’indirizzo http://twitter.com/LaRaeQuy

PRENDI IL LIBRO DI ERIN FALCONER!

Erin mostra alle donne troppo programmate e sopraffatte come fare meno in modo che possano ottenere di più. I tradizionali libri di produttività-scritti da uomini—toccano a malapena il groviglio di pressioni culturali che le donne provano quando affrontano una lista di cose da fare. Come ottenere Sh*t fatto vi insegnerà come a zero in sulle tre aree della tua vita in cui si desidera eccellere, e poi vi mostrerà come off-carico, esternalizzare, o semplicemente smettere di dare un dannato circa il resto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.