Come disinnescare con successo i conflitti sul lavoro

Indipendentemente dal tipo di squadra che stai guidando, i conflitti sono destinati a verificarsi. Come manager che si sta per avere a che fare con la vostra giusta quota di conflitti sul posto di lavoro. Affrontare il conflitto in modo professionale ed efficace è un’abilità manageriale spesso trascurata ma essenziale.

A volte questi sono piccoli battibecchi e possono essere risolti con un semplice sit-down tra le due parti in conflitto, altre volte un problema può aggravarsi in un problema diffuso e minacciare la stabilità della vostra azienda.

Quando si tratta di affrontare la tensione sul lavoro, pensi di fare un buon lavoro nel gestire questi tipi di situazioni? Ci sono buone probabilità che molti dei tuoi dipendenti non siano d’accordo.

Le controversie all’interno della tua squadra non sono sempre una cosa negativa. Molte volte i disaccordi sul processo o sul design possono essere costruttivi e dimostrare di avere dipendenti che sono investiti nel successo dell’azienda e sono orgogliosi dei loro contributi.

Mentre i conflitti sono certamente uno degli aspetti più spiacevoli di avere un ruolo manageriale, poche controversie sul posto di lavoro sono insormontabili.

Riconosci che i conflitti sono inevitabili

I conflitti sono una parte inevitabile del lavoro e devi affrontarli a testa alta una volta che si presentano.

Gli specialisti della risoluzione dei conflitti sul posto di lavoro concordano sul fatto che evitare un conflitto non lo farà andare via.

L’errore più grande che si può fare come manager è quello di cercare di spazzare un problema sotto il tappeto o semplicemente aspettare che soffiare sopra. Disinnescare le situazioni di tensione sul lavoro fa parte della descrizione del tuo lavoro e devi affrontare il problema non appena si presenta in modo che non degeneri.

Anticipare

La maggior parte delle volte (forse anche tutto il tempo), i conflitti sul posto di lavoro si manifestano nel tempo. Se stai facendo bene il tuo lavoro, probabilmente hai già notato segnali di pericolo che ti dicono che un conflitto sta fermentando e che le controversie stanno raggiungendo i loro punti di ebollizione.

Cerca segni comportamentali dal tuo staff che mostrano un livello di disgruntlement. Il più delle volte, questi segni di malcontento si manifestano come azioni passive-aggressive rivolte alla persona o al gruppo di persone con cui il dipendente o i dipendenti hanno un problema.

Potresti notare un dipendente che si rivolge costantemente a un altro dipendente con una sfumatura di sarcasmo o maleducazione sottile ma molto evidente. La riluttanza a collaborare pienamente con alcuni membri del team è un altro chiaro segno di malcontento e frustrazione.

Più comunemente, i conflitti sul posto di lavoro derivano da differenze personali, non conformità alle regole, concorrenza e incomprensioni.

Il tuo compito è quello di tenere d’occhio questi tipi di segnali di pericolo e intervenire subito per cercare di disinnescare i problemi prima che crescano.

Non fare ipotesi, Investigare

Assicurati di ottenere tutte le informazioni possibili sulla controversia prima di iniziare a provare a risolvere il problema. Assicurati di essere completamente aggiornato sulla situazione e di aver sentito non solo argomenti da entrambe le parti della controversia, ma anche da terze parti che non sono coinvolte in essa.

Per indagare, è meglio impegnarsi in conversazioni con le persone che sono in conflitto. Assicurati di avvicinarti a loro in modo amichevole e di essere neutrale sulla questione.

Ascolta attentamente e forma le tue conclusioni sulla base di tutti i fatti che hai ricevuto da entrambe le parti. Una volta che credi di avere una solida conoscenza della situazione, solo allora dovresti iniziare a cercare di trovare una soluzione.

Identificare e dare la priorità al problema

Come manager, devi dimostrare di essere il leader e di rappresentare gli interessi dell’azienda. Oltre ad essere un ascoltatore attivo, sei un barometro per misurare quali circostanze sono più importanti e quando gli sforzi stanno diventando controattivi.

Tutte le tue decisioni dovrebbero essere prese in base a ciò che è meglio per l’azienda. Non dovrebbe riguardare chi ha ragione, chi ha torto o chi ha iniziato il conflitto.

Il tuo compito è trovare una soluzione che assicuri che nulla di negativo venga dal conflitto, in termini di effetti che potrebbe avere sull’azienda e sui tuoi dipendenti come parte integrante della tua attività.

Rimanere positivo

Rimanere positivo. La cosa peggiore che puoi fare in una situazione del genere è perdere la calma. Non importa quante volte l’abbiamo già detto, è importante ribadire: tu sei il capo della squadra. Sei responsabile per raddrizzare la nave e disinnescare la situazione.

Il vostro obiettivo principale è il benessere del business ed è il vostro lavoro per risolvere il conflitto e ottenere tutti concentrati sugli obiettivi aziendali.

Rimanendo fresco, raccolto e positivo vi aiuterà a navigare la situazione più facilmente. E avere un approccio di livello e fiducioso mostrerà ai tuoi dipendenti che sei veramente materiale di gestione e qualcuno da cui possono guardare e imparare.

Conclusione

Più di ogni altra cosa, i manager devono reagire molto rapidamente a questi tipi di situazioni malsane sul posto di lavoro. Più a lungo un conflitto dipendente festers, il peggio si otterrà e più difficile sarà quello di risolvere.

Tieni sempre gli occhi aperti per i segni di turbolenze dei dipendenti all’orizzonte e preparati a intervenire non appena riconosci i conflitti in modo che non si espandano fuori dal tuo controllo.

Come ogni abilità, la risoluzione dei conflitti richiede pratica e pazienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.